Home » Racconti Erotici » Pompino con sborrata sulle tette

Pompino con sborrata sulle tette

Anna tornò poco prima di pranzo! Stessa minigonna bianca, camicetta rosa che lasciava trasparire un reggiseno dello stesso colore…. “Oggi mi farai venire??” “ Mi hai messo le corna 2 volte, così fanno 4! 4 giri di punizione!

Conta sul mio buon cuore!” “Guarda che vado con un altro!” Non risposi, non l’avrebbe mai fatto, me ne sarei accorto subito dalla voglia che aveva! “Comunque non ho fatto in tempo a radere la passera! Ho portato forbici e rasoio! Se vuoi vado in bagno!” “No!

Mettiti comoda!” Anna si sbottonò la camicetta e la scagliò per terra, quindi aprì la zip della gonna e la lasciò scivolare sul pavimento, rivelando un paio di slip bianchi di lycra molto sgambati! Stava per calarsi gli slip quando le dissi di tenerli! Andai a sedermi sulla sedia e la chiamai a me! Mi sfilai i boxer, rivelando una mezza erezione e poi le dissi di girarsi, dandomi le spalle! Cominciai a farmi una sega, mentre con l’altra mano palpavo il delizioso culetto della rag azza! Le abbassai gli slip…. “Li tolgo?” “No!”

Alla visione paradisiaca del culetto nudo di Anna feci molto presto a raggiungere l’erezione! Le rialzai gli slip e le dissi di mettersi il rossetto rosa! “Ho quello rosso!” Se lo mise, poi si inginocchiò davanti a me, prese il cazzo già durissimo in una mano e prese in bocca il cappellone, per poi scivolare fino ad ingoiare metà cazzo!

Cominciò a spompinarmi con voglia, prendendo le palle nell’altra mano per palparle e stringerle delicatamente! Quando capì che la lasciavo fare e che per lei sarebbe andata in bianco, decise di mettere sotto pressione la mia resistenza cardiaca! Smise di scendere fino a metà cazzo e continuò a spompinare solo la cappella, succhiando sempre più forte e serrando bene le labbra per sporcarla bene di rossetto! Si distolse per pochi secondi per prendere fiato! Il mio pene era duro come il marmo, la cappella turgida e gonfia come non mai, sporca di rossetto quanto bastava per eccitarmi d a morire! Anna riprese in mano il cazzo e tenendolo in verticale riprese in bocca la super cappella, rivolgendo le sue attenzioni solo a quella, mentre con l’altra mano mi palpava le palle piene di sborra, sempre più turgide e gonfie! Quando le sentì salire e cominciò a faticare a controllare i fremiti del cazzo, si distolse….

“Dammi le tette!” Mentre lei si sfilava il reggiseno io mi alzai ed avvicinai il cazzo ai suoi seni nudi….

tette bellissime
Anna la troia

Anna si prese in mano le tette e me le offrì! Ancora pochi colpi di mano e cominciai a sborrare, dirigendo bene il getto dell’eiaculazione sulle tette di Anna! Tutti i colpi andarono a segno! 12 schizzi! La ragazza era uno spettacolo divino! Le sue meravigliose zinne completamente ricoperte di schizzi di sperma caldo e densissimo, che le colavano sui capezzoli e sulla pancia!

Quando ebbi finito si sborrare, dopo essersi lasciata ammirare, Anna cominciò a leccare, schizzo dopo schizzo, tutta la sborra che era fuoriuscita dalle mie palle! Ci giocò un po’ con la lingua, mescolandola bene con la sua saliva, e poi la ingoiò, tirando fuori e mostrandomi la lingua completamente pulita! “Alzati!” Le misi una mano in mezzo alle gambe: le sue mutandine erano fradicie, completamente inzuppate degli umori della sua vagina! Gliele calai e gliele tolsi!

Dalla pioggia uscita dalla fica della ragazza si era salvata solo parte della zona che copriva il culetto! La fica di Anna continuava a sbavare dalla voglia di cazzo! Con la parte ancora asciutta degli slip la ripulii per bene, poi gettai le mutandine sul tavolo! “Queste le tengo io!” Anna si rivestì e mi sfidò! “2 corna te le sei tolte! Torno più tardi!”